16 cose che (forse) non sai sugli aerei

16 cose che (forse) non sai sugli aerei

28 Gennaio 2019 Off Di Alessandro
Ti piace l'articolo? Condividilo!

Chissà quanti voli avrai già preso in vita tua e chissà quante domande ti sarai posto su alcune cose viste a bordo, oggi proverò a risponderti svelandoti delle curiosità sugli aerei che forse non conosci.

Sei Pronto?

Le curiosità sugli aerei che forse non conosci


A cosa serve il forellino posto in basso al finestrino?

Sali a bordo, prendi posto accanto al finestrino e guardi subito di fuori. Ti accorgi però che in basso al finestrino c’è un piccolo buco e scatta la domanda: “a cosa serve”?
Si tratta del foro di respirazione e serve e gestire al meglio la differenza di pressione che si verifica tra l’interno e l’esterno dell’aereo, impedendo la sua rottura.
Insomma, quel buchino ha una funzione piuttosto importante.
Altra piccola curiosità, il vetro interno è in plastica mentre quello esterno è in vetro.

Perché quando si atterra di notte vengono abbassate le luci nella cabina?

È già buio, il sole è tramontato da un pezzo e l’aereo su cui stai viaggiando è in fase di atterraggio. Ad un certo punto, mentre stai leggendo appassionatamente un buon libro, capita che le luci vengano abbassate e tu ti chiedi: “perché ogni volta che si atterra di sera vengono abbassate drasticamente le luci?”.

Il motivo è semplice. In caso di un’evacuazione di emergenza i nostri occhi sarebbero già abituati al buio e quindi saremo in grado di vedere meglio una volta fuori dal velivolo.
Perché in fase di decollo e di atterraggio viene richiesto di alzare le tendine dei finestrini?
Per lo stesso motivo di cui sopra, affinché si abbia una maggiore visibilità esterna in caso di evacuazione o incidente, e anche perché i soccorsi potrebbero, da fuori, già capire cosa stia succedendo all’interno.
Perché in fase di decollo e atterraggio i tavolini devono essere chiusi e i sedili devono essere dritti?
Stai atterrando, hai allacciato la cintura di sicurezza ma tieni il tuo Tablet sul tavolino mentre finisci di guardare il tuo film, magari con il sedile leggermente inclinato all’indietro. Passa l’hostess e ti chiede gentilmente di tirare su il tavolino e il sedile.
Perché lo fa? Non per essere scortese ma solo per una questione di sicurezza. In caso di evacuazione i tavolini aperti e i sedili inclinati potrebbero essere un serio ostacolo alla rapida uscita dei passeggeri.

Perché il cibo in aereo è spesso insapore?

Sei su un volo a lungo raggio, hai già visto il tuo primo film ed è arrivata l’ora di cena. Te ne accorgi dal brontolio del tuo stomaco e dal profumino di cibo che aleggia in cabina.
Arriva la tua cena e già dal primo boccone ti accorgi del poco sapore del pasto e te la prendi subito con il servizio di catering.
A volte è anche colpa loro per carità, però devi sapere che c’è una spiegazione scientifica: la pressione e la quasi totale assenza dell’umidità all’interno della cabina alterano il gusto dei cibi e la percezione dei sapori.
Nei lunghi voli ti sarà anche capitato di avere le mucose nasali secche, ecco, a causa di quella secchezza non si riesce a percepire per bene il gusto del cibo.
Cosa mangiano i piloti?
Il cibo dei piloti è differente rispetto a quello servito in cabina ma non solo, i cibi dei piloti sono anche diversi tra di loro perché in caso che uno si senta male a causa del cibo, o peggio ancora avvelenato, l’altro deve sempre e per ovvi motivi rimanere in salute.

Perché i posti delle classi economy sono spesso stretti?

Ti sarà sicuramente capitato viaggiando soprattutto con le low cost di accorgerti che i finestrini non siano allineati con i posti a sedere, e che quest’ultimi siano strettini.
Ciò avviene perché le compagnia aeree vogliono guadagnare qualche fila e lo fanno togliendo pochi centimetri da ogni posto.
Le turbolenze sono pericolose?
Ti è mai capitato di incontrare una turbolenza in volo? Come ti sei sentito?
La prossima volta che volerai non devi nemmeno farci più caso in quanto sembra che le turbolenze non abbiamo mai fatto cadere un aereo, forse solo una volta nella storia dell’aviazione.
L’unico problema è che senza le cinture allacciate si rischia di sbattere la testa contro il sedile anteriore e farsi seriamente male.
Quanto ossigeno c’è nelle maschere?
Mi auguro vivamente che nessuno di noi debba mai indossarla però è giusto sapere che all’interno delle maschere c’è ossigeno per circa 15 minuti, un lasso di tempo sufficiente affinché il pilota riporti il velivolo a una quota più bassa in cui respirare tranquillamente.
A cosa servono le maniglie poste ai lati delle porte di uscita e di emergenza?
Accanto a ciascuna porta di uscita e di emergenza ci sono due maniglie verticali. Queste servono al personale di bordo per aggrapparsi in fase di evacuazione e in caso in cui un passeggero venga colpito da un serio attacco di panico e che spinga l’hostess o lo steward al di fuori dell’aereo. Servono quindi per attaccarsi e fare resistenza.
Cosa succede se si rimane chiusi nel bagno?
Sarò forse paranoico ma quando entro in un bagno pubblico mi chiedo quasi sempre “e se non riuscissi ad aprire la porta?”. Poco male, mi metto a gridare e prima o poi qualcuno si accorgerà della mia presenza. Se capita in aereo è invece facile aprire la porta dall’esterno in quanto nascosta quasi sempre o sotto la targhetta con scritto “lavatory” (bagno) o sotto al di vieto di fumo c’è una levetta da spostare per aprire le porte.
Ora che ti ho detto questa cosa non usarla per fare scherzi, mi raccomando!
Dove vanno a finire i residui del bagno?
No tranquillo, una volta tirata l’acqua dello sciacquone i residui non si disperdono in cielo ma vengono aspirati da un meccanismo e poi raccolti dopo l’atterraggio.
È possibile aprire il portellone durante il volo?
Fortunatamente no per l’ingente differenza di pressione tra l’esterno e l’interno.

Cosa sono le scie bianche lasciate nel cielo durante il volo?

Sulle scie lasciate in cielo dagli aerei durante il volo esistono parecchie tesi complottistiche ma si tratta dei caldissimi fumi di scarico prodotti dalla combustione dell’idrogeno presente all’interno del carburante che, a contatto con l’aria, si raffreddano e diventano vapore acqueo lasciando per circa 50- 100 metri scie bianche simile alle nuvole.

Cosa significa il codice del volo presente sul biglietto e sui tabelloni?

Avrai sicuramente notato che sopra ogni biglietto e sui tabelloni accanto alla destinazione del tuo volo c’è sempre un codice formato da lettere e da alcuni numeri.
Le lettere indicano la compagnia aerea: ad esempio FR per Ryanair, AZ per Alitalia, BA per British Airways.
I numeri indicano invece le destinazioni. Quelle dispari sono per le destinazioni del Nord o dell’Est, quelli pari per il Sud e l’Ovest. Indicano anche il prestigio della rotta per la compagnia aerea, più è basso e più è importante.
Ti piace l'articolo? Condividilo!