Alga Nori: caratteristiche, proprietà ed uso

Alga Nori: caratteristiche, proprietà ed uso

21 Aprile 2020 Off Di Beatrice
Ti piace l'articolo? Condividilo!

L’alga nori è un alimento sempre più usato in cucina, scopri perché fa così bene e come usarla

L’alga nori  è un’alga rossa, chiamata “lattuga di mare” che, oltre al Giappone, è presente anche in Cina, in Corea e in Europa, soprattutto lungo le coste della Gran Bretagna, dove è nota come black buttert.
È utilizzata nella cucina giapponese soprattutto nel sushi ma è utilizzata anche in occidente nelle diete ipocaloriche, vegane, macrobiotiche e vegetariane.

Ecco allora alcune sue proprietà nutrizionali e possibilità di uso.

Benefici dell’Alga Nori

Nelle alghe sono presenti minerali e vitamine A, C, PP e vitamina b29, sebbene nel processo di essiccazione se ne riducono sensibilmente. Agevolano il funzionamento dell’apparato gastro-intestinale, favoriscono l’innalzamento dei livelli metabolici, la depurazione e la disintossicazione, ma sono anche fonti alimentari di sali minerali, quali calcio, potassio, fosforo, sodio, magnesio e iodio.
Oltre al buon apporto in fibra, conferiscono anche acidi grassi polinsaturi della serie omega-3.
Tra le proprietà per cui le Nori sono molto apprezzate, vi sono quelle antiaggreganti, antitrombosi, ipocolesterolemizzanti e stimolanti della produzione di ormoni. Le si consiglia anche perché risultano ottime per la prevenzione del cancro alla pelle e allo stomaco, alle donne inoltre rendono più lievi le sindromi premestruali.

Forme in commercio

Alga Nori in fogli

L’alga Nori viene commercializzata in “foglietti” quadrati di colore verdastro ottenuti dalla macinazione ed essiccazione dell’alga vera. I fogli già tostati e tagliati si chiamano sushi nori o kizami nori. 

Alga Nori in fiocchi

Esistono in commercio anche i fiocchi di nori verde (ao-nori) utilizzati come guarnizione di piatti di verdure e di pesce, e la nori a foglia rossa (fu-nori) che è molto tenera e delicata, non richiede cottura ed è buona nelle zuppe, nelle insalate, ed in piatti conditi con aceto.

Le alghe vanno sempre conservate al riparo dall’umidità e dalla luce e dal calore per non far perdere la loro fragranza e freschezza. Va conservata in contenitori ermetici per mantenerne intatta la fragranza. 

Utilizzo dell’alga nori

L’alga è adatta per la preparazione dei maki dalla classica forma arrotolata ad involtino, viene usata anche come involucro per il sushi e l’onigiri ed è un contorno ideale e un aromatizzante nella preparazione di zuppe come Ramen.
In Giappone viene anche anche consumata come snack.

Altri utilizzi

In campo estetico l’alga nori è un ingrediente utile per la preparazione di cosmetici per il corpo e i capelli. Sono in commercio impacchi di alga nori che aiutano a prevenire la caduta dei capelli, combattono efficacemente la forfora e la cute grassa, hanno azione disintossicante, idratante e possono aiutare anche a combattere la cellulite.

Controindicazioni

Le controindicazioni per questo tipo di alghe sono le stesse che ci sono per le altre. Meglio non assumerle durante la gravidanza e durante l’allattamento, anche in caso di patologie metaboliche non sono un alimento consigliato. Nel dubbio, sempre meglio chiedere al proprio medico.
L’iperdosaggio può avere effetti collaterali soprattutto per chi soffre di tiroide: ipertiroidismo, ipertensione, tachicardia, irritabilità e insonnia.

Dove comprarla

La potete trovare in alcuni negozi specializzati etnici, in prodotti biologici e supermercati bio come Naturasì e online in diversi siti italiani (anche Amazon) o siti giapponesi. E’ venduta essiccata sia in fogli quadrati da 18 cm di lato che a striscioline, detta kizami nori.

Ti piace l'articolo? Condividilo!