Coltivare le piante aromatiche dentro casa

Coltivare le piante aromatiche dentro casa

12 Settembre 2019 Off Di Beatrice
Ti piace l'articolo? Condividilo!

Preparati ai primi freddi ed ecco tanti consigli per coltivare basilico, rosmarino e tante altre piantina in casa al riparo dai colpi di fresco.

Le piante aromatiche sono molto resistenti e non hanno bisogno di costanti cure, tuttavia vi sono degli accorgimenti da attuare.

Le piante aromatiche amano la vita domestica e gli appassionati di culinaria amano l’idea di avere erbe fresche sempre a portata di mano… così coltivare le piante aromatiche in casa è una soluzione perfetta.

Se con la bella stagione è facile farle crescere sul balcone o in giardino nell’orto per averle sempre fresche a portata di mano, se gli spazi – o la stagione fredda – ci obbligano a coltivarle in casa o sul balcone, dobbiamo affrontare indubbiamente qualche difficoltà in più.

Piantine aromatiche: dove metterle?

Coltivare le piante aromatiche in vaso non è complicato, ma prima ancora di cominciare bisogna scegliere il posto giusto dove posizionarle.
Per una giusta coltivazione scegliete una stanza soleggiata.

Per crescere bene in casa, le piante aromatiche necessitano di quanta più luce naturale possibile. Ponete i vasi nei pressi di una finestre e assicurate alle piante aromatiche almeno 4 ore di sole al giorno ( L’ideale consiste nel posizionare le piante aromatiche sul davanzale di una finestra o su un balcone esposto a sud o sud-ovest).

Quando coltivarle?

Altro vantaggio della coltivazione delle piante officinali in casa consiste nel fatto che questo possono essere coltivate anche in inverno: le piante aromatiche amano la temperatura di comfort domestico, dai 18 ai 22 °C. Di notte, la temperatura domestica, nei pressi di una finestra, può scendere intorno ai 12 – 15 °C, anche in questo caso le piante officinali staranno benone.

Quali piante aromatiche coltivare?

Tutte le piantine aromatiche sono potenzialmente adatte alla coltivazione in casa. In particolare le migliori sono queste: basilicoprezzemolo, menta, rosmarino, che pur essendo una pianta perenne ha bisogno di una temperatura mite per crescere rigoglioso.
Ma in particolare vediamole:

Rosmarino. I suoi arbusti possono diventare anche molto grandi, con rametti robusti e lunghe radici quindi è indispensabile non accostarlo ad altre piante: ha bisogno dei suoi spazi! Dagli un vaso tutto suo, e che sia grande. E non dimenticare di aggiungere della sabbia al terriccio.

Salvia e timo. Puoi destinare a loro un unico vaso: insieme stanno benissimo! Sono entrambi grandi amanti del sole, del vento e della vita all’aria aperta, quindi la posizione più esposta al sole è per loro.

Menta è quella vicina di casa un po’ invadente. Tende ad occupare tutto lo spazio disponibile con le sue radici, quindi ti consigliamo di dare anche a lei un vaso tutto per sé.

Basilico e prezzemolo sono entrambi volubili e delicati; vanno ripiantati ogni anno, per cui è sconsigliabile abbinarli ad altre piantine. Ricordati di innaffiarli spesso, soprattutto il basilico, che ha bisogno di molta acqua per vivere.

Origano e maggiorana sono semi-sempreverdi, proprio come salvia e timo, e anche visivamente stanno molto bene insieme.

Insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta

Ecco cosa occorre per coltivare le piantine in vaso:

  • Vasi, in plastica o terracotta. La terracotta vince senza dubbio per estetica ed è la più ecologica fra le due. Ma la plastica è più leggera, quindi ideale per soluzioni sospese: mensole, ripiani… tutto dipende da dove andrai a posizionare i tuoi vasi.
  • Sottovaso, indispensabili per trattenere l’acqua in eccesso e non far bagnare il pavimento di casa.
  • Argilla espansa, che ha una funzione drenante ed evita che l’acqua ristagni facendo marcire le piantine. Va posizionata in uno strato in fondo al vaso così consentirà un rilascio graduale dell’umidità del terriccio.
  • Terriccio universale. Mescolalo con un po’ di sabbia per un effetto drenante.
  • Concime, per mantenere il terriccio fertile nel tempo.
  • Germogli di piante aromatiche: prezzemolo, salvia, rosmarino, timo, basilico, maggiorana… Se non hai una grande esperienza, le piantine già germogliate sono preferibili ai semi.
  • Una paletta, per travasare le piante più facilmente.

Come innaffiare le piante aromatiche

In inverno le piantine non necessitano molta acqua ed è sufficiente bagnarle ogni 3/4 giorni. Non serve molta acqua, anche se la quantità dipende dalla specie. Per capire se hanno bisogno di essere annaffiate, metti un dito nella terra: se esce asciutto, le tue piantine hanno sete.


Anche tu puoi creare un piccolo giardino profumatissimo… indoor! 

Ti piace l'articolo? Condividilo!