Sushi fatto in casa: come preparare il riso per sushi

Sushi fatto in casa: come preparare il riso per sushi

22 Aprile 2020 Off Di Beatrice
Ti piace l'articolo? Condividilo!

Riso per sushi, quale comprare e usare per le nostre ricette orientali

Il riso è la base della dieta dei giapponesi, deve essere leggero, soffice e leggermente appiccicoso.  Il riso è l’ingrediente fondamentale della cucina giapponese e per questo motivo è indispensabile scegliere la giusta varietà per preparare piatti buonissimi come ad esempio il sushi.

Oggi iniziamo con la parte più importante : la preparazione del riso!
Rispettate ogni passaggio della cottura del riso e non vi potrete sbagliare.

Iniziamo col dire che non tutte le tipologie di riso vanno bene per il sushi, anzi. Escludiamo sicuramente tutte le varietà dal chicco lungo e anche i risi integrali, che non sono adatti a queste ricette.
In Giappone la qualità di riso per sushi usata si chiama shari. Qui in Italia e in generale in Europa, il riso shari si può trovare nei negozi specializzati, nei grandi supermercati che hanno un’area etnica o anche su internet.
Se non riuscite a trovarlo, il riso da noi in commercio che più si avvicina al loro è il riso originario, che si presta alla perfezione per maki, uramaki e nigiri giapponesi.

Se avete una cuoci-riso siete avvantaggiati, la macchina farà tutto per voi e avrete un riso perfettamente cotto, al punto giusto. Altrimenti seguite questa fotoricetta passo per passo.


Il riso va misurato a bicchieri, ogni bicchiere di riso si utilizza un bicchiere e un dito di acqua. Ma vediamo insieme gli ingredienti.

Occorrente

  • scolapasta
  • ciotola
  • pentola con coperchio
  • paletta di legno
  • casseruola capiente di ceramica o di vetro (no alluminio)
  • canovaccio di cotone
  • ventaglio

Ingredienti x 2 persone

  • n. 2 bicchieri pieni di riso per sushi o riso originario
  • n. 2 bicchieri e mezzo di acqua
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 6 cucchiaini di aceto di riso

Procedimento

1Per prima cosa bisogna lavare il riso. Versate il riso nello scolapasta e sotto mettete la ciotola, aggiungete abbondante acqua e mischiate il riso con le mani. L’acqua diventerà torbida, scolate il riso e ripetete l’operazione fino a quando l’acqua non risulta trasparente. Lasciate il riso lavato a scolare per circa 10 min finché non si asciuga bene. Si tratta di un’operazione lunga ma necessaria.

2Sistemate il riso nella pentola capiente, aggiungete l’acqua (considerate che deve essere sempre due dita superiore al riso, se semmai aggiungete un pochino). Coprite la pentola con il suo coperchio e mettetela sul fuoco a fiamma alta per 5 min.

N.B. ricordatevi che il coperchio non deve MAI essere alzato, la pentola deve sempre rimanere chiusa

3Passati i 5 min abbassate il fuoco e fate sobbollire per 15 minuti. Non aprite MAI il coperchio. Passati anche i 15 min, spegnere il fuoco, e lasciare riposare il riso per altri 10 min sempre con il coperchio chiuso.

4Nel frattempo preparate il condimento: in un pentolino scaldate l’aceto con lo zucchero e il sale fino a che non sarà sciolto del tutto, mi raccomando non deve bollire.

5Dopo aver lasciato riposare il riso, mescolatelo con un’apposita paletta di legno (mai di acciaio o metallo perché si attaccherebbe) facendo dei tagli delicati. Versate poi il riso nella casseruola di vetro o ceramica, o se lo avete nell’hangiri, tipica ciotola di legno giapponese per contenere il riso. Sgranate il riso con la paletta di legno e delicatamente versate il condimento di aceto su tutto il riso e nel mentre sventolate il ventaglio per farlo raffreddare. Coprite il riso con un canovaccio molto umido ma strizzato bene a contatto e lasciate a temperatura ambiente.

Il vostro riso per sushi è pronto per essere utilizzato.

Come conservare il riso per sushi

Potete preparare il riso per sushi anche in anticipo, al mattino o il giorno prima. Una volta pronto, lasciatelo raffreddare e conservatelo in frigo. Tiratelo fuori almeno un paio d’ore prima di utilizzarlo, in quanto dovrà essere a temperatura ambiente.

Ti piace l'articolo? Condividilo!